E’ uscita ieri giovedì 28 dicembre la graduatoria delle 100 sperimentazioni approvate e che partiranno con il prossimo anno scolastico 2018/2019. La sperimentazione riguarderà anche due Licei di Arezzo..

Riportiamo la notizia del Miur a riguardo e le prime informazioni sui percorsi aretini.

“È disponibile da oggi, sul sito del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, www.miur.gov.it, l’elenco delle 100 scuole secondarie di secondo grado ammesse alla sperimentazione dei percorsi quadriennali, secondo quanto previsto dall’Avviso pubblico emanato lo scorso 18 ottobre dal MIUR e aperto a indirizzi liceali e tecnici. Le 100 scuole ammesse con il decreto pubblicato oggi sono così distribuite: 44 al Nord, 23 al Centro, 33 al Sud. Si tratta di 75 indirizzi liceali e 25 indirizzi tecnici. Sono 73 le scuole statali, 27 quelle paritarie. Ogni scuola potrà attivare una sola classe sperimentale.
I percorsi partiranno con l’anno scolastico 2018/2019. Le iscrizioni saranno possibili a partire dal prossimo 16 gennaio, la stessa data prevista per le iscrizioni ai percorsi ordinari. In Italia già 12 istituti stanno sperimentando il diploma in 4 anni sulla base di singole richieste presentate negli anni scorsi al Ministero. Con il bando emanato a ottobre si è deciso di superare questa logica, aprendo a una sperimentazione con criteri comuni di selezione, che hanno messo al centro la qualità dei percorsi e l’innovazione didattica, e con obiettivi nazionali di valutazione che, alla fine del percorso sperimentale, consentiranno di fare scelte basate su dati e informazioni approfonditi.

Nessuno “sconto” sugli obiettivi formativi: le scuole partecipanti assicureranno, come previsto dall’Avviso pubblico di ottobre, il raggiungimento delle competenze e degli obiettivi specifici di apprendimento previsti per il quinto anno di corso, nel rispetto delle Indicazioni Nazionali e delle Linee guida.

“I percorsi quadriennali non nascono oggi, sono il frutto di un dibattito che va avanti da tempo e di una riforma scritta nel 2000 quando era Ministro Luigi Berlinguer – sottolinea la Ministra Valeria Fedeli -. Quella riforma non è mai stata attuata, ma nel 2013 una commissione istituita dal Ministro Francesco Profumo ha ripreso il tema dei percorsi quadriennali. Successivamente la Ministra Maria Chiara Carrozza ha dato il via libera alle prime sperimentazioni. Con il bando emanato a ottobre abbiamo deciso di imprimere una svolta. Di consentire una sperimentazione su grandi numeri, con una maggiore diffusione territoriale, nell’ottica di dare pari opportunità alle ragazze e ai ragazzi di tutto il Paese, e una maggiore varietà di indirizzi di studio coinvolti. Tutto questo per fare in modo che, alla fine del quadriennio, si abbiano esperienze misurabili e valutabili davvero, secondo parametri condivisi e lavorando attraverso comitati scientifici nazionali e territoriali. Si avranno dossier approfonditi su cui poi tutti gli attori coinvolti potranno aprire il dibattito sul destino dei percorsi quadriennali”.

L’elenco completo delle cento scuole ammesse, con il decreto pubblicato oggi, è disponibile al seguente link:
http://www.miur.gov.it/web/guest/-/piano-nazionale-di-innovazione-ordinamentale-per-la-sperimentazione-di-percorsi-quadriennali-di-istruzione-secondaria-di-secondo-grado-avviso-prot-n-3.”

Ad Arezzo sono state approvate due sperimentazioni a cui ci si potrà iscrivere già a partire dal 16 gennaio 2018:

Liceo Economico Quadriennale “Vittoria Colonna”
Lo staff di Dirigenza, in collaborazione con una commissione apposita, ha ideato questo nuovo indirizzo unico in Italia, che è l’incontro della selezione dei migliori aspetti dei tre percorsi principali del Liceo Colonna: scienze umane, economico-sociale e linguistico. Il Liceo Economico Quadriennale Vittoria Colonna è, pertanto, un nuovo percorso di sperimentazione di eccellenza, oltre al Quarto Anno di Eccellenza di Rondine di cui il Colonna è titolare, che prevede una distribuzione oraria di 36 ore settimanali, con lo studio del latino nel biennio, di due lingue straniere e di scienze umane nel quadriennio, con un forte potenziamento orario della Matematica e del Diritto e dell’Economia. Discipline quali economia, lingue, matematica e scienze umane,  bene si prestano all’innovazione didattica, creando un’offerta formativa tesa a coniugare tradizione e all’internazionalità.  Il progetto, in adeguamento agli standard europei, prevede: un insegnamento  interdisciplinare realizzato attraverso lo strumento della compresenza, didattiche innovative (learning by doing, project work, brain-storming, debate, flipped classroom); un utilizzo puntuale delle nuove tecnologie digitali e della didattica laboratoriale; nonché un uso della metodologia CLIL, a partire dal terzo anno, per lo studio di e almeno una disciplina in lingua straniera. L’aula del Liceo sarà organizzata sul piano logistico con dotazioni che facilitino l’interazione fra docente e studente. Il Consiglio di Classe sarà, inoltre, affiancato da un tutor, docente dell’Istituto che curerà l’interazione tra docenti e discenti e l’alternanza scuola-lavoro. I destinatari del percorso quadriennale saranno studenti e  studentesse con forte motivazione allo studio ed un accentuato orientamento ad una visione  internazionale del proprio futuro. Il Liceo Quadriennale è rivolto ai giovani che desiderano approfondire in modo particolare l’Economia, il Diritto, la Statistica , l’ambito socio-antropologico e le lingue straniere per sentirsi sempre più cittadini attivi e globali in un contesto internazionale aperto e condiviso.
Info: Liceo “Vittoria Colonna”

- Liceo Internazionale Quadriennale “Piero della Francesca”
Tale corso di studi coniuga la tradizionale cultura liceale italiana e il pragmatismo dei sistemi scolastici europei con l’abbreviazione del periodo di studi a 4 anni. Il liceo breve punta a condurre gli studenti più in fretta alle porte dell’università o a quelle del mondo del lavoro.
È un liceo scientifico che guarda all’internazionalizzazione. Mantiene la matematica e la fisica, potenzia l’arte e introduce il diritto e l’economia fin dal primo anno oltre a includere una seconda lingua.
Alcune materie sono insegnate direttamente in inglese fin dal primo anno come la matematica e la fisica e nel secondo biennio si insegnano in lingue inglese anche il diritto e l’ economia oltre le scienze integrate.
L’alternanza scuola lavoro è prevista come per tutti gli altri studenti, ma si svolge anche all’estero, in Europa e in America dove sono attivi già contatti e accordi. Il percorso include laboratori, workshop, utilizzo strumenti ICT un sostegno sull’orientamento e l’accoglienza, tante attività che arricchiscono l’offerta formativa
Infatti nel curriculum sono previsti progetti di potenziamento facoltativi di almeno 30 ore annue relativi: Sport, Cinema e Informatica.
L’orario è più concentrato, le lezioni proseguono nel pomeriggio anche per svolgere attività progettuali facoltative. Le ore settimanali sono 36 (144 ore totali in 4 anni), coerentemente con le attuali 27 del i biennio e le 30 del secondo biennio del liceo in cinque anni (sempre 144 ore totali nei 5 anni).
Inoltre il Liceo Internazionale si differenzia dai percorsi tradizionali non solo per la durata, ma anche per le metodologie utilizzate. Inoltre pone lo studente al centro del percorso formativo, costruendo il suo curriculum vitae grazie alla certificazione delle competenze raggiunte nelle diverse discipline e delle competenze linguistiche.
Info: Liceo “Piero della Francesca”